AUDIO GUIDE
it

La mostra

La mostra

La parte principale della mostra "Art Panorama INFERNO" è composta dalla già famosa collezione di sculture "IN DANTE VERITAS" di Vasily Klyukin, che è stata trasferita a Lucerna immediatamente dopo la fine della 58a Biennale di Venezia nel 2019.

È stata presentata per la prima volta al grande pubblico nel 2018 al Museo Russo Statale di San Pietroburgo, dove è diventata la mostra più visitata della stagione. 

Nel frattempo, circa 500.000 persone hanno già visitato "IN DANTE VERITAS" in varie città del mondo, esprimendo migliaia di impressioni entusiastiche nei libri di recensioni e nei social network. Uno dei motivi di quest'atmosfera e dell'effetto di immersione emotiva è stata l'audioguida scritta nello stile poetico di Dante stesso, tradotta in 11 lingue, che rappresenta di diritto un oggetto d'arte indipendente e parte integrante della mostra. 

La mostra di Klyukin è un ripensamento del poema epico di Dante Alighieri, "La Divina Commedia", creato nel XIV secolo, ed esplora i temi dei Vizi umani e del Peccato, del Bene e del Male, e reinterpreta l'Inferno di Dante come un collasso ecologico - la conseguenza ultima dei nostri peccati e dell'inazione.

Mantenendo l'equilibrio sull'orlo della figuratività e dell'astrazione, la collezione è una narrazione scultorea in cui vengono ricreati i nove cerchi dell'inferno descritti nella "Divina Commedia".

Una parte significativa dell'esposizione è costituita da 21 opere scultoree che rappresentano i vizi umani e i 4 cavalieri dell'Apocalisse con nuovi nomi: "Sovrappopolazione", "Disinformazione", "Sterminio" e "Inquinamento".

 Secondo il noto critico d'arte Donald Kuspit, “IN DANTE VERITAS” di Klyukin è una performance d'avanguardia che illumina un problema sociale urgente: la possibile - inevitabile? - estinzione della razza umana".

A Lucerna l'esposizione è stata impreziosita da due oggetti d'arte.  Uno di questi è il "Carcere" in cui sono detenuti gli scellerati più famosi del mondo, che fa riferimento all'interpretazione data dall'autore al tema dei peccati. Qui si trovano Lenin, autore del Terrore Rosso, Stalin, colpevole di numerose repressioni, Pablo Escobar, che inondò l'America di cocaina, e Bokassa, il cannibale. Il cercere è sorvegliato dallo spirito di Beatrice - la Tigre Bianca, e si trova nel punto più alto del parco - sopra la "Prigione del tradimento", che ha una stanza separata dove vivono Lucifero e le altre guardie dell'inferno.

Al centro della mostra c'è il "Cuore della speranza", una statua mozzafiato che raffigura un enorme cuore umano. Klyukin considera questo un simbolo del fatto che possiamo ancora cambiare tutto, fermare l'inquinamento e la Morte che ne sussegue. Questo oggetto d'arte è stato presentato per la prima volta al festival Burning Man 2018 nel deserto Black Rock, Nevada, USA.

PARTNERS